Journey to Italy, Part 1

Oh Italy, the Bel Paese… Art, beautiful places, women, food and wine! What about wet-shaving goods? Well, in these modern days there are still some old-school barbershops and wet-shaving raised a growing interest in the last 10 years. Together with the long-lasting Italian barbershop tradition, this makes Italy a very interesting place to visit for the enthusiast wet-shaver… Unless you already live here, as in my case, which makes things much less interesting… with some exceptions (more on this on Part. 2).

This couple of articles will be a short journey to Italy, talking about some Italian classics as well as other topics.

The first approach to wet shaving came when I was about 15. An old boar brush of my father, some tubes of Palmolive and Proraso, and for 2-3 years I wet-shaved (I still remember the strange looks my school mates gave me when I showed them the brush during the school trip to Naples in 1999. Ah the old good times!). Then, I don’t know why, I stopped and reverted to canned goo. I returned to WetShaving as soon as I started working. Probably earning money for the first time proved to be the deciding factor. TOBS Lemon and Lime came, as well as a big 200ml bottle of Trumper’s Extract of West Indian Limes AS. Since then, I never came back, the Soap Acquisition Syndrome grow year by year and I discovered great products made both in Europe and USA. Little room for Italian products, at least until I met with a guy I’ll talk about in Part 2.

The only Italian products which were constantly in my den were essentialy two classics of the Italian tradition. Floid (see Featured Image) and Proraso, which are sold at almost every supermarket here in Italy (especially Proraso, in its classic green packaging).

Floid: well, almost every barbershop in Italy has it proudly displayed in the cabinet. Classy, timeless, old-fashioned, it’s the perfect complement for an haircut, a straight-razor shave, a moustache-trimming. The (sadly, old. The new is an abysmal grey label. No comment.) packaging is wonderful, the light-yellow label and the smiling face splashing the AS are in the Italian aficionados’ collective imagination.  Not to mention the big orange atomizer!! 😀 I know that I’m not the only one who entering the bathroom and spotting the big Floid bottle can’t resist spraying some Floid on his neck and cheeks! This AS, moreover, is awesome in the hot summer month, providing an immediate sense of freshness! I never tried the spanish versions (Suave and Vigoroso) so I can’t compare them to the Italian one. All I can say is that if you love old-school scents, you must grab a bottle somehow!

Proraso: Proraso always makes me think about how mankind is strange: always seeking for things which can’t be easily obtained, often overlooking the local/national excellence. This thought is supported by serious evidence: me looking for the English and American soaps on one side, and many American friends who literally love Proraso and post several SOTD Pictures proudly featuring all the Range… Others ask where to buy it, and I often smile thinking about our local supermarkets. Given the price for a tub, about 2-3 Euros, they would feel like in Wet Shaving Paradise.

Those who know me are aware I’m always looking for that special and unique scents in my soaps, so… yes, I’m not really a fan of Proraso, since the scent is plain Menthol and I often got bored of it. This, however, doesn’t prevent me from saying that the performance of this soap, especially for the price, is top notch! Used in the summer months, Proraso will provide a very refreshing experience, as well as a thick lather which protects your skin while shaving.

Weird but effective tip:  add some drops of Floid on the tub and then build the lather. The scent will improve and the freshness will be multiplied x 2 🙂

 

The classic Proraso Soap tub, with its distinctive green colour.

 

ITALIAN VERSION – VIAGGIO IN ITALIA, Parte 1

Ah, l’Italia, il Bel Paese… Arte, luoghi meravigliosi, donne, cibo e vino! E per quanto riguarda la rasatura tradizionale? Beh, in questa epoca improntata alla modernità esistono ancora delle barberie vecchia scuola e la rasatura tradizionale è tornata a suscitare notevole interesse nell’ultima decina d’anni. Ciò, unito alla tradizione barbieristica italiana, fa dell’Italia una nazione molto interessante da visitare per l’appassionato wet-shaver… a meno di non abitarvi già, come nel mio caso, il che rende tutto molto meno eccitante… con qualche piacevole eccezione (su cui tornerò abbondantemente nella seconda parte).
Questa coppia di articoli vuole essere un breve viaggio in Italia, in cui parleremo di alcuni grandi classici italiani, ma non solo.
Il mio primo approccio alla rasatura tradizionale avvenne più o meno quando avevo 15 anni. Un vecchio pennello di mio padre, in setola, qualche tubetto di Palmolive e qualche ciotola di Proraso, e per 2-3 anni andai avanti così (ricordo ancora gli sguardi perplessi e stupiti dei miei compagni di classe durante la gita scolastica a Napoli, quando feci vedere loro il pennello. Ah, i vecchi tempi!). Poi, non saprei neanche dire perchè, smisi e tornai alle bombolette. Fino a quando, nel 2007, iniziando a lavorare ritornai alla rasatura tradizionale. Probabilmente guadagnare soldi miei per la prima volta ha influito notevolmente ed è stato decisivo. Una ciotola di Lemon and Lime di Taylor, una bella bottiglia da 200ml di dopobarba al Lime di Trumper, e via! Da allora, non son più tornato indietro, la SAS (Sindrome da Acquisto di Saponi) è cresciuta di anno in anno, consentendomi di conoscere prodotti straordinari prodotti sia in Europa sia oltre oceano. Nel mio regno/antro della rasatura, c’era poco posto per prodotti italiani, almeno fino a quando non ho conosciuto una persona, di cui parlerò nella seconda parte.

Gli unici prodotti italiani che hanno sempre avuto un posto costante nella mia rotazione erano essenzialmente due grandi classici della tradizione italiana. Floid (vedi immagine di copertina) e Proraso, che possono essere trovati pressochè in qualsiasi supermercato qui in Italia, specialmente il secondo, nella tradizionale confezione verde.
Floid: che dire, in quasi ogni bottega di barbiere in Italia fa bella mostra di sé una bella bottiglia di Floid, sul bancone, negli armadietti, ecc. Di classe, senza tempo e con un gusto piacevolmente retrò, Floid per me costituisce il perfetto complemento di un bel taglio di capelli, di una rasatura, di una spuntatina ai baffi. Il packaging, specialmente nella vecchia versione (sulla nuova, con un’orrida etichetta grigia, stendo un velo pietoso) con etichetta di colore giallo tenue, con la facciona sorridente mentre le viene spruzzato il Floid è qualcosa che è nell’immaginario collettivo degli aficionados. Per non parlare del mitico spruzzino arancione!! So di non essere l’unico che, entrando in bagno e notando la bottigliona di Floid, non resiste alla tentazione di spruzzarsi sul collo e sulle guance un po’ di dopobarba! 🙂
Tale prodotto, inoltre, è perfetto nei torridi mesi estivi, garantendo una immediata sensazione di freschezza! Non ho mai avuto modo di provare le versioni spagnole (Suave e Vigoroso) e quindi non ho modo di fare paragoni. Ciò che posso dire che è se amate le profumazioni old-school, dovete assolutamente prendere una bottiglia di questo classico intramontabile, in qualche modo!

Proraso: questo prodotto mi fa sempre pensare a come sia strana la natura umana: siamo sempre a cercare cose che non possono essere facilmente ottenute e spesso ignoriamo o tralasciamo di proposito le eccellenze locali e nazionali. Questo fatto è suffragato da prove concrete: il sottoscritto a cercare saponi in terre lontane da un lato, e molti amici americani che adorano letteralmente i prodotti PRORASO, al punto di immortalarli in numerose foto di Sbarbate del Giorno, chiedendo dove si possano acquistarli, ecc. E io nel leggerli sorrido al pensiero che se vivessero qui, con i nostri supermarket si sentirebbero in paradiso, visti i prezzi (2-3 euro a pezzo).

Quelli che mi conoscono sanno che son sempre alla ricerca di quel sapone dalla profumazione particolare, speciale e unica, e quindi… non si può dire che io sia un fan di Proraso, visto che la profumazione è mentolo schietto e tale profumazione mi stufa dopo poco. Ciò tuttavia non mi impedisce di dire che la performance di questo sapone è eccellente, a maggior ragione vista la fascia di prezzo! Usato nei mesi estivi, Proraso vi garantirà, oltre a una rasatura ben protetta, un’esperienza assolutamente rinfrescante!

Consiglio strano ma efficace: aggiungete qualche goccia di Floid direttamente nella ciotola di Proraso e montate la schiuma lì. La profumazione migliorerà e la freschezza raddoppierà! 🙂

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s